Adista News – Tutela dell’ambiente in Costituzione: al Senato, un (primo) passo storico


Con 224 voti favorevoli, nessun contrario e 23 astenuti (tra questi, l’intero gruppo di Fratelli d’Italia), il Senato ha dato il via libera ieri al disegno di legge costituzionale – nato in ambiente 5 stelle, firmato dal senatore pentastellato Gianluca Perilli, sostenuto fortemente anche da Pd e Leu – che rende la tutela dell’ambiente un “principio” costituzionale. Un fatto storico, se si pensa che, dalla sua promulgazione, è la prima volta che il Paese mette mano alla sezione della Carta dedicata ai “Principi fondamentali”.

E così in fondo all’articolo 9 – che attualmente recita «La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione» – sarà aggiunto, qualora approvato anche alla Camera e in tutti i quatto passaggi previsti dall’iter di un ddl costituzionale, il seguente testo: «La Repubblica tutela l’ambiente e l’ecosistema, protegge le biodiversità e gli animali, promuove lo sviluppo sostenibile, anche nell’interesse delle future generazioni».

Il voto al Senato è un «primo passo storico», ha commentato il WWF in una nota a margine della votazione che auspica «altrettanta rapidità» nel prossimo passaggio alla Camera e in quelli successivi. «Il Senato ha dato prova di maturità riuscendo a comprendere come questi valori siano ormai parte integrante della nostra società e non possano più essere ritenuti secondari, come confermato dalle vigenti norme europee e dalla costante giurisprudenza».

Il WWF ha anche ricordato che «il riconoscimento costituzionale della tutela dell’ambiente è una battaglia storica» della più grande principale associazione ambientalista italiana, coinvolta in Commissione Affari Costituzionali del Senato nella formulazione del testo approvato ieri.

* Foto di Fratello.Gracco, tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l’articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere – ecclesiastico, politico o economico-finanziario – e l’autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:





Source link

Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

What do you think?

A spotted predator lurks in this image… can YOU spot it?

Serbian volleyball player is suspended after she is caught on camera making racist gesture